BEAUTIFUL VENOM

Nel 2007 quattro giovani ragazzi di Aveiro (Portogallo) decidono di iniziare a fare musica insieme e formano così i Beautiful Venom, rock band dalle sfumature metal. Sono passati 5 anni da quel giorno, e la band ha cambiato formazione diverse volte, fino a raggiungere quella che sembrerebbe definitiva. I Beautiful Venom meritano di farsi conoscere anche fuori dal loro Paese: li ho intervistati per parlare del loro album “Endless Endeavor” e dei loro obiettivi.

Ciao ragazzi! Parlateci un po' della vostra band: questo progetto è il primo per tutti? Da dove prende ispirazione la vostra musica?

 

I Beautiful Venom sono nati alla fine del 2006 da un gruppo di amici che volevano divertirsi facendo musica. Di quel gruppo, Andrés è l’unico rimasto, dato che la band ha attraversato numerosi cambi di line-up. Adesso siamo una band che prende molto sul serio il proprio lavoro e i propri obiettivi, senza però dimenticare che siamo qui per divertirci. La nostra musica prende ispirazione da tutto ciò che c’è al mondo, non ci poniamo né limiti né confini.

La vostra band ha subito un cambio di line-up: come vi trovate con questa nuova formazione? Potete dire di aver trovato quella definitiva?

Ci sentiamo abbastanza sicuri di questa nuova line-up. I nostri fans ci hanno dato un feedback decisamente positivo e ci sentiamo a nostro agio a suonare insieme. Ci fidiamo l’uno dell’altro e ciò è molto importante sia mentre siamo sul palco che mentre proviamo. Abbiamo iniziato a scrivere qualche bozza per nuove canzoni ed è stata un’esperienza molto positiva: lavoriamo molto bene insieme e il prossimo album sarà un ulteriore passo avanti.

“Endless Endeavor” è caratterizzato da diversi stili e influenza. La vostra musica prende ispirazione da altre bands o scrivete semplicemente quello che avete in testa? Come nascono le vostre canzoni?

Ascoltiamo un sacco di musica e quindi, a volte anche inconsciamente, veniamo influenzati da numerosi artisti. Siamo tutti abbastanza eclettici per quanto riguarda i nostri gusti musicali, e ognuno di noi preferisce un certo stile o genere. In questo modo, la nostra musica risulta un mix di tutte le nostre influenze messe insieme. Cerchiamo di scrivere quello che ci gira in testa o ciò che la nostra ispirazione ci dice, ma in un modo o nell’altro sono sempre le nostre diverse influenze musicali che giocano il ruolo fondamentale nella creazione delle nostre canzoni.

I vostri fans sono soddisfatti del vostro ultimo album? Che relazione c’è tra voi e i vostri fans?

Abbiamo avuto un riscontro molto positivo da parte dei nostri fans e anche da parte del pubblico dei concerti in cui abbiamo suonato: gente che canta le nostre canzoni, poga, fa headbanging e soprattutto si diverte. Ci sono anche alcuni fans stranieri che si sono dimostrati soddisfatti del nostro album, scrivendoci le loro impressioni sulla nostra pagina face book (www.facebook.com/BeautifulVenom).

Nell’album ci sono parecchi testi interessanti. Chi li scrive? Scaturiscono tutti da esperienze personali?

Anche per quanto riguarda i testi c’è un forte spirito collaborativo, quindi un po’ tutti ci mettiamo mano. I più coinvolti sono Andrés, Claudio e David. La maggior parte dei nostri testi riguarda esperienze e problemi personali, ma parlano anche di problemi che riguardano il mondo intero e in cui gli ascoltatori possono identificarsi.

Com’è la scena musicale nel vostro Paese? E’ difficile farsi conoscere come band?

La scena musicale portoghese non è poi così significativa e molte bands lottano per farsi conoscere (noi inclusi) e sopravvivere solo con la musica è molto difficile; inoltre ci sono pochissimi promoters, le bands vengono pagate pochissimo e il mercato potrebbe essere migliore. Comunque in questi ultimi anni sembra che la scena musicale si sia ingrandita e che ci sia un feedback migliore da parte del pubblico. Di conseguenza, sta iniziando a crescere anche il numero delle bands.

Avete mai fatto un tour fuori dal Portogallo? Avete in programma qualcosa in Europa per quest’anno? E con che bands vi piacerebbe dividere il palco?

Non siamo mai stati in tour fuori dal Portogallo. La buona notizia è che stiamo pianificando un tour europeo tra luglio e agosto: anche se non abbiamo ancora conferme, credo che andremo in Paesi come Spagna, Italia, Francia, Germania, Olanda e Belgio. Ci piacerebbe dividere il palco con numerose bands: per citarne alcune, sarebbe fantastico poter suonare con Mastodon, Parkway Drive, August Burns Red e Between the Buried and Me.

State già scrivendo nuovi pezzi per un nuovo album, o preferite prima farvi conoscere nel resto d’Europa e magari anche oltreoceano?

Come abbiamo detto prima, stiamo già partorendo nuove idee e esplorando nuove cose, ma ancora niente di definitivo. Arrivati a questo punto siamo più concentrati sulla promozione del nostro album di debutto “Endless Endeavor” suonando ovunque e ogni volta che ne abbiamo la possibilità, poi inizieremo a concentrarci sul nuovo materiale.

Avete qualche buon proposito per l’anno nuovo come band? Che obiettivi vi siete imposti?

Potremmo dire che il nostro proposito per l’anno nuovo è di raggiungere i nostri obiettivi per il 2012, cioè pianificare un tour europeo, finire di scrivere nuove cose e iniziare a registrare il nostro nuovo album.

26/01/2012

Stampa